domenica 27 dicembre 2015

PIANO REGIONALE RIFIUTI. LE OSSERVAZIONI DEL "COORDINAMENTO LRZ MOLISE"




lEGENDA

CSS: tipo di combustibile derivato dalla lavorazione dei rifiuti urbani non pericolosi e speciali non pericolosi;

TMB:  tecnologia di trattamento a freddo dei rifiuti indifferenziati (e/o residuali dopo la raccolta differenziata) che sfrutta l'abbinamento di processi meccanici a processi biologici quali digestione anaerobica e il compostaggio.

(by Nicola)

sabato 26 dicembre 2015

Il quarto e il 30

1/4 di ciò che mangiamo serve ad alimentare il nostro corpo. I 3/4 ad alimentare... il nostro medico!

Se a questo aggiungiamo che il 30% dei decessi sono su base iatrogena vale la pena chiedersi se sia ancora conveniente mantenere in piedi il "Sistema" sanitario.



(by Nicola)

Stampa 3D e fornelli

(by Nicola)

Faber curioso

(by Nicola)

giovedì 24 dicembre 2015

"Green" fuffa




LUCI ED OMBRE in questo COLLEGATO di legge denominato di "Green Economy" ma che modifica ben poco del Testo Unico 152/2006 sui rifiuti, salvo DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO, e l'assoggettamento degli Inceneritori senza recupero di energia alla ECOTASSA regionale.
UNICA ECCEZIONE gli Art. 37 e 38 sull'incentivazione con riduzione di legge della tassa rifiuti per il Compostaggio domestico e "di comunità", la cui quantificazione e la semplificazione autorizzativa e demandata però al solito "decreto ministeriale attuativo" .....
IN COMPENSO però con l'Art. 13 è stata inserita una norma "dedicata" ai sottoprodotti degli Zuccherifici e di lavorazione Oli vegetali che potranno avere gli incentivi x produrre Biogas per uso energetico .....ed all'art. 25 sono inseriti tra le matrici x Fertilizzanti agricoli anche i rifiuti di "plastiche compostabili" ed i prodotti "sanitari assorbenti" ...... MOLTA FUFFA E POCO "GREEN"

http://www.camera.it/leg17/995?sezione=documenti&tipoDoc=lavori_testo_pdl&idLegislatura=17&codice=17PDL0035680&back_to=http%3A%2F%2Fwww.camera.it%2Fleg17%2F126%3Ftab%3D2-e-leg%3D17-e-idDocumento%3D2093-B-e-sede%3D-e-tipo%3D 

Massimo Piras

Primo firmatario Legge Zero Rifiuti

(by Nicola)

Il 28 dicembre il "Coordinamento Regionale Legge Zero Rifiuti Molise" sarà in Consiglio regionale


 
http://lagazzettadelmolise.it/2015/12/23/24-dicembre-2015-buone-feste/

 
(by Nicola)

mercoledì 23 dicembre 2015

Per "Terzo... Spazio" l'OML non esiste

In mattinata mi sono recato presso il "Centro per il volontariato" al fine di avere l'elenco delle altre 21 Associazioni iscritte. Obiettivo: chiedere ai rispettivi Presidenti copia dello Statuto al solo fine di capire con quali Associazioni quella che ho l'onore di presiedere potrebbe avviare una seria e fattiva collaborazione per il 2016.
Di seguito quanto mi é stato consegnato:


Se la presenza dell'OML non dovesse essere gradita a qualcuno o ai più, ritengo sia arrivato il momento di notificarmelo.
A buon intenditor...

P.S.
Evitare frasi del tipo "Ci scusiamo. Ce ne siamo dimenticati." 
So benissimo cos'é un "atto mancato o paraprassia, o atto sintomatico, o lapsus d'azione."

Il Presidente dell'OML
F.to Nicola Frenza
(by Nicola)

"Mammona iniquitatis." Don Paolo Farinella vs Bertone


"La rovina dei preti sono sempre i soldi. Per questo sproloquiate di celibato perché così siete più liberi di amare «mammona iniquitatis», fornicando giorno e notte senza essere visti da alcuno. Se il tempo che dedicate a difendere il celibato dei preti, che solo pochi rispettano (e lei lo sa perfettamente!) o a condannare i gay laici – visto che preti, vescovi, monsignori e cardinali lo sono ad abundantiam – o a sproloquiare di separati e divorziati, di cui non sapete nulla, lo dedicaste a proibire ai preti di gestire denaro, fareste una cosa preziosa per il mondo e per la Chiesa. Sicuramente due terzi del clero lascerebbe la Chiesa, ma con il terzo che resta e con l’aiuto dei preti ridotti allo stato laicale perché sposati, ripresi in servizio, saremmo capaci di rivoluzionare il mondo, oltre che il Vaticano, covo di malaffare e di depravazione senza misura."

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/12/20/don-paolo-farinella-il-cardinale-bertone-continua-a-sbroccare/?refresh_ce

(by Nicola)

MOLISEINVITA (tuttattaccato)


Strana terra la nostra! 
Da un lato il nulla di chi, profumatamente pagato, deve tutelarla;  dall'altro...

 


Bella iniziativa. Ci piace moltissimo!

(by Nicola)

Alla faccia del PEAR Molise, della "TIR" e dei molisani tutti (o quasi)


http://issuu.com/gazzettadelmoliseweb/docs/allora__votiamo_bregantini/5?e=14017783/32143808

 (by Nicola)

Monsignor Armando Dini mi disse...


La "Visita Pastorale" dell'arcivesco Bregantini ai componenti del Consiglio regionale mi ha fatto tornare alla mente il suo predecessore.
Ho avuto il piacere di parlargli anni addietro e quando l'oggetto della discussione scivolò sugli eletti di palazzo Moffa gli dissi: "Eccellenza, forse non leggono il Testo." 
Fulminea e lapidaria la sua risposta: "Lo leggono ma... non lo applicano!"
Sono convinto che gli attuali "assisi", del Testo, ignorimo anche l'esistenza.

Nicola Frenza

(by Nicola)

Minzolini condannato a 4 mesi di carcere


http://notiziario.ossigeno.info/2015/12/rai-a-minzolini-4-mesi-di-carcere-per-abuso-dufficio-64755/

(by Nicola)

martedì 22 dicembre 2015

PIANO REGIONALE GESTIONE DEI RIFIUTI MOLISE


Il Presidente Cotugno "raccoglie il grido di allarme lanciato dalle Mamme di Venafro" ma lascia cadere la disponibilità del "Coordinamento Regionale Molise 'Legge Rifiuti Zero'" finalizzata a verificare le scelte gestionali di riduzione, riutilizzo e raccolta rifiuti, unitamente a quelle impiantistiche di trattamento (argomenti sui quali il Coordinamento può fornire specifiche indicazioni inerenti il percorso "verso Zero Rifiuti").
A riferirlo é Nicola Frenza,  portavoce del "Coordinamento Regionale Molise 'Legge Rifiuti Zero'", il quale ieri mattina ha contattato la segreteria del Presidente Cotugno al fine di poterlo incontrare.
Nella tarda mattina la segreteria confermava l'interesse da parte di Cotugno all'incontro prima di lunedì 28 dicembre, giorno in cui il Consiglio regionale discuterà la "PROPOSTA DI PIANO REGIONALE per la GESTIONE DEI RIFIUTI della REGIONE MOLISE."
Nel primo pomeriggio il contrordine: l'interesse manifestato dal Presidente Cotugno solo poche ore prima spariva, come i rifiuti... in discarica! In compenso lo stesso concedeva la possibilità di far pervenire "osservazioni al Piano!"

P.S.
"A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca"
Giulio Andreotti


(by Nicola)

Save Sannio. La "Comunità del Cibo" della Piana di Calise


https://www.youtube.com/watch?v=Or-oW-9l1_M

(by Nicola)

lunedì 21 dicembre 2015

Premio letterario De Andrè

(by Nicola)

Potrebbe usufruirne anche il nostro amico Giovanni, il quale - a Campobasso - dorme in un garage?



Chalet post-sisma per chi è senza casa nè soldi: accordo fra Termoli e Provvidenti.

Firmata una convenzione fra i due Comuni per venire incontro a pochi casi di grave emergenza abitativa, relativa a persone sfrattate o che vivono in condizioni di indigenza. Provvidenti mette a disposizione i fabbricati utilizzati nel periodo successivo al terremoto e l’Amministrazione costiera pagherà fino a un massimo di 1500 euro per ogni nucleo familiare che si trasferirà restando non più di sei mesi.

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=20860

(by Nicola)

domenica 20 dicembre 2015

Parvula despiciens conquirit maxima nunquam (disprezzando le piccole cose, non si conquistano quelle grandi)

Isernia. Qualche insignificante, credendosi Caligola, forte della risonanza offerta dai media ancorché non degno di alcuna considerazione, continua a “deridere” chi ha idee alternative a quella delle grandi ruberie negli appalti e dello scempio del territorio.
Il rozzo diffusore delle dette insalubrità, altezzoso quanto sciocco, si “stacca dal volgo” dicendo di pensare "in grande", intendendo per "grande" la megalomania del ricco e del potente, ben espressa nelle mega e spropositate opere inutili pensate per Isernia.
Vale a dire colate di cemento, gettate sul verde solo per foraggiare ruberie del denaro pubblico e scempio ambientale, da parte di pochi a danno della società.
Ma in realtà questa è solo piccola e meschina grettezza capitalistica.
Alla Cetto La Qualunque, per capirci.
Pensa in grande per Isernia, invece, tanto per fare alcuni esempi, chi propone in una certa area lo sviluppo della vocazione agricola biologica od a “Km zero”, o le “case-orto”, la salvaguardia delle sorgenti e dei fiumi, anziché inutili otto viadotti e 2 gallerie per 5 chilometri - già collegati da un'altra strada - e dal costo 34 milioni a Km (per ora); fondi destinabili peraltro all’occupazione nelle tante opere edilizie e di manutenzione ambientale, utili e mai fatte; pensa in grande chi propone, sempre ad esempio, il recupero di aree come la stazione di Isernia nell’ottica di un recupero generale degli standard di verde e spazi socio culturali nella città, anziché inutili e devastanti scatoloni di cemento in odor di cricca.
D’altro lato, come dicevano i latini, parvula despiciens conquirit maxima nunquam: cioè, disprezzando le piccole cose, non si conquistano quelle grandi.

20/12/2015 IL COORDINATORE P.C.I. Sez. Reg. Molise

Tiziano Di Clemente
(by Nicola) 

Sarà vero?


http://issuu.com/gazzettadelmoliseweb/docs/campobasso_citta__senza_ne__capo_ne/5?e=14017783/32084953 

(by Nicola)

Siamo nella Storia: la "Terza Rivoluzine Industriale" parte dal Molise. OML e FABLab Termoli protagonisti

(by Nicola)

sabato 19 dicembre 2015

Si sono ispirati al libro dell'Esodo (22-22)

“Non maltratterai la vedova o l’orfano. Se tu lo maltratti, quando invocherà da me l’aiuto, io ascolterò il suo grido."


(by Nicola)

La "Terza rivoluzione industriale" parte dal Molise. OML e "FABLab Termoli" protagonisti

A fine gennaio l'inaugurazione ufficiale al pubblico. 



http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=20955

Tutto é nato solo due mesi addietro...

(by Nicola)

L'OML all'Assemblea Generale del Movimento 5 stelle

Appassionato  e propositivo l'intervento del nostro presidente sui seguenti temi: 
1- Sanità ("Malattia zero", artt. 9 e 32 della Costituzione);
2- Raccolta differenziata (bozza delibera "Verso rifiuti zero"inoltrata il 7/9/2015 al Comune capoluogo);
3- Mercato coperto Monforte (G.A.S. & FABLab OML);
4- PEAR Molise (Puntare sul solare).

(da 00:05:58) 
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5391b3d4-6dbf-4d75-91c8-92c64eff6a36.html 
 
(by Nicola)

venerdì 18 dicembre 2015

Comunicato stampa

IL FARAONE FRATTURA 
 E LO STERMINIO DEI PENTRI!

Così come il faraone egiziano ordinò di uccidere tutti i nati maschi per sterminare gli ebrei, il faraone molisano, non riuscendo a zittire le voci libere in regione, soprattutto nell’area isernina, decise di abbatterne il luogo dove le lodevoli mamme si riunivano di notte per mettere al mondo i loro figli, nuova linfa per combattere lo strapotere e l’arroganza del dittatore di turno! Decise di servirsi della corte al suo servizio per studiare le strategie più subdole al fine di concepire un mostruoso progetto definito “Lo sterminio dei pentri”! In modo particolare, chiamò a sé una dirigente generale, fornita dell’attestato dell’antica e nobile professione di assistenza agli infermi (parificato alla laurea per non diminuirne il valore) e la cercò fuori dei confini del regno, in considerazione del fatto che, i vigliacchi predatori della sanità pubblica in Molise, avevano già dato o altro da fare! E così, per dare avvio alla fase seconda del suo stramaledetto progetto di sterminio totale, si servì dei più aristocratici militanti della fazione di maggioranza, chiamata PD, della quale la magnifica dirigente era fiera componente. Si scoprirà più tardi che, in considerazione delle pregevoli iniziative messe in atto in campo sanitario, il faraone promosse a direttrice generale di tutti i dissidi molisani proprio l’infermiera professionale venuta dalla confinante terra delle orripilanti spade del dio vento, che, ormai da tempo, avevano preso possesso anche del Molise. Ma come si esplicitava nei particolari il progetto di sterminio degli oppositori pentri? Bene, nulla di più semplice, banale, elementare, infantile che si potesse immaginare! Ecco, il faraone e la sua visir, senza sforzarsi troppo (ma anche facendolo non avrebbero saputo fare di meglio), decisero di recidere a dare alle fiamme il luogo dove, appunto, le donne pentre si erano ritrovate fino ad oggi per dare al mondo le loro creature e dove, alla bisogna, potevano curarsi in caso di sopraggiunte difficoltà, disegnando quella nuova mappa del regno, che maledice l’area pentra negandole una progenie! E così, senza sapere né leggere e né scrivere (come dicevano gli antichi che non sbagliavano mai!), questi due soggetti, fanno sparire i reparti di pediatria, ostetricia e ginecologia dell’ospedale Veneziale di Isernia, rendendo impossibile alle mamme far nascere i propri figli a Isernia, loro terra da sempre, castigandole a viaggi continui per la cura dei piccoli e per la propria salute e cancellando definitivamente il diritto alla cittadinanza, perché mai più taluno potesse scrivere sul proprio cartiglio “nato nella terra dei Pentri”! Ma il faraone molisano, che a differenza delle grandi opere realizzate dai faraoni d’Egitto, ha saputo solo emularne le porcherie, la parte più subdola e cattiva (metropolitana leggera a parte), non ha fatto i conti con i vecchi e i sopravvissuti i quali, con animo libero e indomito, hanno deciso di arrestare questo processo di sterminio e di ricacciare il tiranno verso i luoghi a lui più cari, magari nella terra della sua infermiera professionale dove magari avranno la possibilità di fare altri danni (ma se sono qui da noi, magari lì non la voleva nessuno!), Emiliano permettendo! Difesa ad oltranza dell’ospedale, dei suoi reparti e di tutta la Pentria! Ovviamente la difesa va fatta dell’intero Molise ma l’emergenza ci spinge ad occuparci della salute. A giorni riunioni operative e strategie comuni!
Isernia, 19 novembre 2015
Emilio Izzo
(by Nicola)


Decreti ingiuntivi e Agenzia delle Entrate

 

Tribunale Rimini: va revocato il decreto ingiuntivo della banca che non ha prodotto gli estratti conto integrali

LA LENTE DI UNA CRONISTA. Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

 
 
(by Nicola)

I figli della "speranza"

 

"La speranza (la fede) ha due nobili figli: l'indignazione per tutto ciò che é ingiusto e il coraggio di intraprendere ciò che é giusto."

Sant'Agostino

(by Nicola)

Coltivazioni e casolari abusivi sul Tratturo. L'importanza dei controlli


"Occupazione abusiva di suolo demaniale, falsità ideologica commessa da privato tramite induzione in errore volta ad ottenere autorizzazioni amministrative, e per violazioni alle leggi sui beni paesaggistici"

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=20948

Nei prossimi giorni l'OML presenterà un esposto a tutela di un altro pezzo di Tratturo.

(by Nicola)

giovedì 17 dicembre 2015

L'OML si unisce alla rivoluzione (la terza)

 

La nostra Associazione oggi pomeriggio si unirà alla "rivoluzione."
Non si allarmino le Istituzioni. E' una rivoluzione pacifica della quale l'OML é già protagonista e a breve ne darà conto.

(by Nicola)

Incontri

 

1- Questa mattina il presidente dell'OML e l'avv.to De Ritis hanno incontrato la delegazione di una nota S.p.A. che opera, da anni, in Molise.
La stessa, dopo aver illustrato il problema, ha invitato l'Associazione ad intervenire.
L'OML sarà lieta di farlo ma alla condizione comunicata.

L'OML non si occupà di "umanità" ma di "umani", gli unici portatori di "coscienza" e capaci di chiedere "giustizia!";

2- sempre in mattinata l'Associazione é stata contattata da una persona di Roma interessata ad acquistare volumi sul medioevo pubblicati dalla "History Books." 

(by Nicola)

martedì 15 dicembre 2015

Natale in casa Cupiello


Questa mattina, mentre "i soliti 4 fessi" - e io tra loro - chiedevano le dimissioni in blocco della casta regionale, il tribunale di Campobasso per Luigi Pardo Terzano ha chiesto alla Procura la riformulazione del capo di imputazione (da peculato a truffa aggravata). Per l'altro ex consigliere regionale, Salvatore Muccilli, é stato disposto il rinvio a giudizio.

"Lacarielli" de noantri, scetatv "ca mammà v prpar o zuppon.""

(by Nicola)

Oggi saremo in piazza "di fronte" agli "Impositori di ingiustizia"



(by Nicola)

Progettare e stampare in 3D

(by Nicola)

lunedì 14 dicembre 2015

"L'edittino della Leopolda"






"Il presidente del Consiglio ha additato Il Fatto come il primo quotidiano da mettere all'indice. E così replicato un vecchio malvezzo, quello di attaccare la libera stampa che osa criticare il governo e informare i cittadini con notizie documentate e dunque sgradite al potere. All'editto bulgaro oggi segue, in scala proporzionata alla statura dei personaggi, l'edittino della Leopolda. Il Fatto ha deciso di replicare a quest'aggressione regalando il quotidiano ai partecipanti della Leopolda e ai risparmiatori truffati che protestano in piazza". 
È quanto si legge in una nota di direzione e redazione de Il Fatto Quotidiano.    "Uno sberleffo cui però segue un impegno - prosegue Il Fatto -. Non smetteremo di pubblicare titoli e articoli che raccontano la verità dei fatti, senza guardare in faccia nessuno, chiunque esso sia. E continueremo a criticare o a elogiare (come abbiamo fatto sulle ultime scelte in politica internazionale) il governo a seconda di quello che fa e che merita. 
Il fatto di essere finiti nel mirino di governi di destra, di centro e di sinistra, politici e tecnici, è per noi la migliore conferma che facciamo onestamente e imparzialmente il nostro mestiere di  cani da guardia su tutti i poteri. I nostri lettori sono con noi perché sanno che andremo avanti su questa strada, rispondendo soltanto a loro e a nessun altro".(ANSA).

(by Nicola)

Non costa nulla ma vale tanto. Un click per "Molisesorriso"


Un click per "Molisesorriso":
http://www.molisesorriso.it/

(by Nicola)

COMUNICATO STAMPA - “Ci riprendiamo il palazzo che fu dei cittadini”

 
 "Presa della Bastiglia"

(Martedì 14 luglio 1789)
 


IL GIORNO DEL RISCATTO POPOLARE!

Ci riprendiamo il palazzo che fu dei cittadini”

15 dicembre Anno Domini 2015 ore 9.30, in massa davanti al consiglio regionale del Molise in via IV Novembre a Campobasso per riprendere possesso di quello che fu il luogo deputato alla discussione e al confronto tra eletti ed elettori, tra governanti e governati, tra pochi unti dal Signore e le migliaia di cittadini! “Fu” infatti, da parecchio tempo non è più così. Tra prebende da sceicchi, vitalizi inventati, furtive e notturne sedute per fottere i malcapitati cittadini, la distanza tra il popolo e gli amministratori è diventata siderale! A questo si aggiunge l’ormai impossibile occasione di poter interagire con questi egoisti, arroganti e prepotenti soggetti che non hanno mai trovato il tempo per discutere con chi glielo chiedeva, quello sparuto drappello di uomini e donne che, facendosi carico delle preoccupazioni e timori della gente molisana, a più riprese hanno tentato di interloquire, di cercare di comprendere come si potesse scendere così in basso nella scala dei valori, del sociale, del bene pubblico e collettivo! E così tra la disperazione dei senza lavori, dei pendolari, dei malati, dei difensori dell’ambiente, dei portatori di sani principi, i consiglieri regionali del Molise con in testa assessori imbarazzanti e presidente inqualificabile, bellamente e in modo strafottente, hanno tirato dritto tra i loro agi calpestando aspettative e dignità. Per queste e mille altre ragioni saremo in massa, domani 15 dicembre 2015, per ricacciare indietro quello che è diventato il nostro incubo, la nostra negazione di speranza, la nostra certezza del baratro senza ritorno, quella maggioranza che non rappresenta più nessuno e che siede in quell’aula solo per incrementare i propri privilegi e carriere! Ci riprenderemo il nostro diritto alla rappresentanza, al rispetto delle regole, alle aspettativa da promesse elettorali, al dialogo e al confronto, insomma, ci riprenderemo quello che ci è stato sottratto con bugie, inganni e volgari sceneggiate. Domani i molisani sapranno riscrivere una pagina degna del loro passato, della loro pulizia, del loro orgoglio, della loro dignità, della loro onestà, sapranno riscrivere quello che, con un sol colpo, questi indegni amministratori, hanno cancellato con il loro nefasto e vergognoso atteggiamento e comportamento! E chi non ci sarà, perderà un’occasione per dire ai propri figli e nipoti “io ho fatto quello che era giusto, quello che era nelle mie possibilità di uomo libero e democratico, quello che la storia e il percorso degli uomini ci impone di fare per diritto e dovere: l’impegno quotidiano a difesa della cosa pubblica e collettiva”!
LA PAROLA D’ORDINE E’ UNA SOLA: DIMISSIONI PER TUTTI!

Isernia, 14 dicembre 2015                   Emilio Izzo
(by Nicola)

Cacciamo gli "Impositori di ingiustizia." Domani tutti in piazza

Martedì 15 dicembre 2015, ore 9:30, Consiglio regionale, via IV Novembre, Campobasso

 (by Nicola)

Cibo e identità

(by Nicola)

domenica 13 dicembre 2015

Maggiorazioni automatiche, imposte d’imperio. Dove? In Molise


Il Molise è attualmente l’unica regione con addizionale regionale al massimo a causa del disavanzo sanitario.
L’avv. Mancini ha visto in questo sistema un vulnus al principio di capacità contributiva, non sussistendo alcun nesso causale tra la capacità economica dei cittadini residenti e l’inadeguatezza dei piani di rientro dal deficit sanitario...


(by Nicola)

"Lutto" in casa OML



Il giorno 7 dicembre 2015 si è spenta, definitivamente, la nostra piccola "Camileo S20 Mobile."
Ne danno il triste annuncio il presidente, i membri del CdA e i Soci dell'OML.
Le esequie saranno celebrate presso il "Centro per il Riuso" che a breve l'OML avvierà in Molise.
 
Non fiori ma HD(Alta Definizione).

Sono aperte le sottoscrizioni per dotare l'Associazione di una nuova videocamera. Questa:
Info: 388.9003151

(by Nicola)

sabato 12 dicembre 2015

Perché martedì 15 dicembre saremo in piazza?


(by Nicola)

"O Managgér"

 

I Pentastellati hanno presentato un esposto alla Corte dei conti.

http://issuu.com/gazzettadelmoliseweb/docs/mister_120mila_euro/3?e=14017783/31916088

(by Nicola)

Oggi pomeriggio e domani tutti in piazza per discutere di sanità e lavoro


Dopo le battaglie contro i privilegi e gli sprechi della politica, le iniziative sulla scuola, i servizi nella città di Campobasso, il movimento degli “Indignati del Molise” ed il “Laboratorio Progressista” scendono di nuovo in piazza, il 12 e 13 dicembre 2015, per affrontare insieme ai cittadini i temi che assillano il Molise: sanità, lavoro, e riforma delle province, che in assenza di un disegno ed un progetto vero di riorganizzazione istituzionale da parte della Regione mette questi enti territoriali nella impossibilità di garantire l’erogazione dei servizi anche elementari ai cittadini quali la viabilità, i servizi scolastici. Lungi dal rappresentare un elemento di cambiamento, questa maggioranza e questo Consiglio regionale, si contraddistinguono per la avidità, l’arroganza, il trasformismo più sfacciato, l’incapacità di portare a soluzione qualsiasi problema del Molise. Le uniche scelte finora fatte sono state finalizzate unicamente a soddisfare e rafforzare le proprie condizioni economiche e quelle degli amici/alleati con nomine ed incarichi. La credibilità di chi governa la Regione è ridotta ai minimi termini e non passa settimana o mese senza che venga sbeffeggiato e sbugiardato dagli organi di informazione nazionale. I molisani pagano le tasse regionali più alte d’Italia e ricevono meno servizi degli altri. Il sistema sanitario regionale ha accumulato un debito stratosferico ed i cittadini, se e quando hanno bisogno di cure, devono oltrepassare i confini regionali.
Di fronte alla drammaticità della situazione, alla paralisi del sistema produttivo regionale, alla mancanza dei servizi più elementari, alla assenza di qualsiasi prospettiva di futuro, il Movimento degli Indignati e del Laboratorio ritengono di non doversi e non potersi disimpegnare ma di chiamare tutti i cittadini a confrontarsi e a reagire. A farlo insieme e pubblicamente. In piazza, per riappropriarsi dei propri diritti e della propria dignità e libertà.

Comitati “Cittadini indignati del Molise” “Laboratorio progressista”

(by Nicola)