venerdì 27 febbraio 2015

Diffida a non attuare il rilassamento dei livelli di protezione della popolazione dai campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde



http://www.osservatoriolegalita.it/allegati/api_650371.pdf

(by Nicola)

Isernia e la P3

Riceviamo e pubblichiamo

Il Pcl Molise in merito al convegno sui pentiti di giustizia di oggi presso l’ITIS di Isernia, esprime il proprio apprezzamento per la buona fede del giornalista Paolo De Chiara nel porre all’attenzione pubblica la lotta contro la mafia.
Come è noto siamo stati sempre in prima fila nella lotta, anche con le sue modestissime forze, e nella denuncia politica, contro il capitalismo mafioso che da tanti anni agisce nella nostra regione mediante il riciclaggio di denaro nel mondo nella finanza locale o mediante la speculazione edilizia o ancora mediante il traffico illecito dei rifiuti e attraverso gli abusi del potere pubblico locale.
Ma prendiamo le distanze dagli esponenti della Procura locale, che da un lato si costruiscono l’immagine di “antimafia” in tali convegni, ma che di fatto “esprimono linee interpretative” da noi valutate di accanimento contro chi, nella nostra realtà, esprime la libera opposizione politica e la lotta sociale, contro i misfatti sociali ed ambientali, che per converso rimangono impuniti. Per non parlare di decisioni giuridicamente assurde, che elencheremo pubblicamente. Ve ne sono tanti di esempi locali che abbiamo già posto all’attenzione pubblica in tal senso.
Fatta eccezione, lo ribadiamo, di alcuni magistrati locali che individualmente stimiamo perché svolgono il proprio lavoro, non solo dimostrando grande capacità professionale, ma cercando comunque di tutelare la parte più debole della società e soprattutto senza accanirsi contro gli antagonisti del potere, quale eccezione soggettiva rispetto alla oggettiva natura di classe della giustizia.
Ad esempio: che fine hanno fatto le inchieste sul traffico illecito dei rifiuti che secondo le attendibili rivelazioni di Schiavone avevano coinvolto anche la provincia di Isernia ?
E tanto per citare un altro esempio.
Da Il Fatto Quotidiano del 23 luglio 2010, che si cita per tutti gli altri giornali nazionali, articolo dal titolo: Giudici amati dalla P3. Al vaglio le attenzioni della 'loggia' su alcune procure”. Estratto di alcuni passaggi:
«“Alla nomina del Procuratore di Isernia, Lombardi dedica altre telefonate: il 2 febbraio 2010 parlando con la dottoressa Di Santo, segretaria di Cosimo Ferri, ecco che il presunto membro della P3 ritorna sulla questione: “Chissà se hanno fatto pure il pubblico ministero di Isernia?”. Di Santo: “Aspe’ chi ti interessava? Me l’avevi detto”. Lombardi: “Paolo Albano che sta a Caserta è pure un amico!” Dopo due ore Di Santo comunica la buona notizia: “Ho chiesto proprio a Cosimo di Albano … m’ha detto che non ci dovrebbero essere problemi“… Una raccomandazione all’insaputa dell’interessato? Possibile. Albano non è indagato, né destinatario di provvedimenti disciplinari. Una cosa è certa, alla fine Albano vince a Isernia e Izzo a Nocera. Ma c’è un altro dato importante: Isernia può sembrare un ufficio non di prima linea, ma non è così. Non adesso: negli uffici della Procura c’è almeno un fascicolo che riguarda la cricca, quello aperto sui lavori dell’Auditorium, una delle opere previste per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.
Nel 2015 l’inchiesta sullo “scandalo dell’auditorium”, per quanto riguarda la base isernina, è stata archiviata, cioè considerata dalla Procura di Isernia neanche meritevole di un processo. Né si conosce l’esito dell’esposto del PCL Molise in merito all’appalto dell’auditorium, poiché nessun avviso è stato ricevuto per esercitare l’opposizione alla richiesta di archiviazione sebbene richiesto ai sensi dell’art.410 c.p.p. Ovviamente saranno gli organi preposti a stabilire se vi fossero delle responsabilità da parte di Albano o di Scioli dal punto di vista penale, civile e disciplinare, a fronte dell’esposto che come PCL MOLISE ci accingiamo a produrre contro i suddetti, a tutela legale del diritto alla libertà politica messo sotto attacco dalla Procura di Isernia.
Quel che però ci interessa, lo ribadiamo, non è l’aspetto giudiziario, ma l’aspetto sociale e politico che emerge da tali fatti, in quanto disvelatori della natura di classe dello stato e dei suoi apparati repressivi, della sostanziale identità tra mafia e sistema del capitale,

26/02/2015        IL COORDINATORE Tiziano Di Clemente

(by Nicola)

Comune di Campobasso -"Radiazioni elettromagnetiche e rischi alla salute" - 4/5

(by Nicola)

giovedì 26 febbraio 2015

FINALMENTE!...... La SVEGLIA è SUONATA in MOLISE!

 

Riceviamo e pubblichiamo
"FINALMMETE!...... La SVEGLIA è SUONATA in MOLISE!
Ieri sera a Campobasso si sono riuniti molti rappresentanti dei COMITATI CITTADINI che DIFENDONO e si BATTONO per la Difesa della SANITA' PUBBLICA, Per IL LAVORO e la DIGNITA' di un POPOLO che ha una STORIA MILLENARIA di IMPEGNO e SACRIFICI, che NON possono essere DISTRUTTI da un Gruppo di Consiglieri Regionali, OSTAGGI PURTROPPO, GUIDATI da un PRESIDENTE che NON solo PARLA, PARLA, PARLA e NIENTE FATTI......ma che addirittura ha DICHIARATO che "LUI HA FIRMATO IMPEGNI PREELETTORALI con i cittadini Elettori, senza NEMMENO LEGGERE i CONTENUTI"....pero' al contrario, Legge MOLTO BENE tutto cio' che riguarda i suoi INTERESSI PERSONALI......."

(by Nicola)

CONTRO LA REGIONE, L'INIZIATIVA DEI COMITATI

(by Nicola)

Diritti umani. Il Rapporto 2014-2015 di Amnesty International

(by Nicola)

Comune di Campobasso -"Radiazioni elettromagnetiche e rischi alla salute" - 3/5

(by Nicola)

mercoledì 25 febbraio 2015

Richiesta dimissioni Governo regionale

 

 (da 00:15:50 a 16:57)
http://www.tgr.rai.it/dl/tgr/regioni/PublishingBlock-3ab0cfb1-5847-412b-88d3-33816f0e68b6.html

(by Nicola)

“IMPEACHMENT”

Riceviamo e pubblichiamo 
 
SABATO 28 FEBBRAIO 2015, ALLE ORE 17.30, SALA GIALLA DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, CONFERENZA STAMPA-ASSEMBLEA DI PRESENTAZIONE DEL “COMITATO PER L’IMPEACHMENT POPOLARE”


DOVE NON PUO’, O MEGLIO, NON VUOLE LA POLITICA,
DOVE NON PUO’, O MEGLIO, NON VUOLE LA MAGISTRATURA,
POSSONO, VOGLIONO E DEVONO I CITTADINI
IMPEACHMENT”POPOLARE
MESSA IN STATO DI ACCUSA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL MOLISE PER EVIDENTI CONFLITTI DI INTERESSI E PER AVER MENTITO, ALTRETTANTO PALESEMENTE, AI MOLISANI!
DALLA BIOCOM ALLE BIOMASSE (CIVITAS), DALLA METROPOLITANA LEGGERA ALLA DEVASTAZIONE AMBIENTALE, DALLE MEGA PERICOLOSE DISCARICHE AL CENTRO DI ACCOGLIENZA-CENTRO DELINQUENZA, DALLE ABBANDONATE ATTIVITA’ PRODUTTIVE AL DISASTRO DELLA SANITA’ PUBBLICA, DALLE VERGOGNOSE MEGA RETRIBUZIONI AI BANDI CULTURALI OSCENI, TUTTE LE IMPERDONABILI NEGATIVITA’ DI UN PERCORSO GESTIONALE CHE SOMIGLIA PIU’ AD UN PERCORSO DI GUERRA CIVILE CHE AD UNA SANA AMMINISTTRAZIONE PUBBLICA!
PER QUESTO ED ALTRO IL COMITATO CHIEDE AD ALTA VOCE:
DIMISSIONI
PER IL PRESIDENTE FRATTURA!
SUBITO!
Dopo la presentazione pubblica alla stampa, sarà regolarmente trasmesso alle prefetture e alle questure la formalizzazione del Comitato che, anticipiamo, sarà formato da un solo articolo, il presente, con l’aggiunta di quattro parole di premessa e di prassi.
Per info, adesioni, contatti, solidarietà, contattare Emilio Izzo al 347 6402951, mail: emilcult@libero.it o alla sua pagina di Facebook.
(by Nicola)

Comune di Campobasso -"Radiazioni elettromagnetiche e rischi alla salute" - 2/5


(by Nicola)

Sanità. Proposta "class action"


http://www.ilgiornaledelmolise.it/2015/02/24/una-class-action-in-difesa-della-sanita-molisana-di-stefano-il-consiglio-esautorato-si-dimetta/?doing_wp_cron=1424844915.0575668811798095703125

(by Nicola)

lunedì 23 febbraio 2015

Basilicata: l'effetto "selva" blocca impianto da 30 MW


http://www.ilquotidianodellabasilicata.it/news/basilicata/734394/Parchi-eolici--il-Tar-lucano.html

(by Nicola)

Presa diretta - Sblocca Italia del 22/02/2015

 

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-63cd53c1-7b8e-4042-ba4c-b456911cf2c3.html#p=0


N.B. (da 00:59:00 a 01:05:25)

Siamo un gruppo di docenti e ricercatori di Università e Centri di ricerca, pienamente convinti che non sia più il tempo in cui gli scienziati possono chiudersi nelle loro torri d’avorio per dilettarsi con le loro ricerche, senza curarsi dei problemi della società in cui operano e di quelli dell’intero pianeta...

http://www.energiaperlitalia.it/lettera-al-governo/ 


Sblocca Italia & Regione Molise

Movimento 5 stelle
  
"...Ridicolo e superficiale in quelle situazioni l'atteggiamento del PD e in particolare del consigliere Totaro. Il nostro ordine del giorno non è mai stato discusso...non ce ne hanno mai dato la possibilità...non ho mai provato tanta rabbia in Consiglio. Il 60% del territorio molisano è interessato da istanze di ricerca per idrocarburi e loro ignorano...ignorano!!! In tutto ciò abbiamo denunciato anche il ruolo della Basilicata. Magari stasera con il servizio su presa diretta tutto diventerà più reale...tutto diventerà verità...abbiamo scritto 5 post sugli effetti del decreto sblocca italia ma era come se fosse vietato parlarne e a conti fatti il Molise non ha preso parte a questa battaglia...ve li metto in ordine di pubblicazione":
http://www.molise5stelle.it/2014/10/08/sfasciaitalia/
http://www.molise5stelle.it/…/manifestiamo-contro-lo-sbloc…/
http://www.molise5stelle.it/…/mozione-contro-lo-sblocca-it…/
http://www.molise5stelle.it/…/decreto-sblocca-italia-piu-n…/
http://www.molise5stelle.it/…/sblocca-italia-il-consiglio-…/

(by Nicola)

Castelli del Molise - Gabriella Di Rocco - 3/3

(by Nicola)

venerdì 20 febbraio 2015

ANCI GIOVANI A MILANO PER RAPPRESENTARE LA REGIONE MOLISE ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE


COMUNICATO STAMPA

E’ un orgoglio per noi rappresentare la Regione Molise all'Assemblea nazionale giovani amministratori ANCI 2015. Un motivo di crescita e di confronto con tutte le grandi e piccole realtà territoriali che muovono e promuovono la nostra Italia”. Lo affermano i membri dell’ANCI Giovani che dal Molise sono arrivati a Milano per partecipare e attivarsi nei tavoli di lavoro della VI Assemblea nazionale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani che si tiene oggi e domani. Appuntamento annuale in cui gli amministratori under 35 dei Comuni italiani si ritrovano per discutere del loro ruolo nell'azione amministrativa di oggi ma soprattutto del futuro prossimo. In particolare, quest’anno l’appuntamento si focalizza su alcuni temi di stretta attualità dell'azione amministrativa, dalle smart city all'Esposizione universale, passando per quel ricambio generazionale che ha animato il dibattito pre-assembleare di tanti Sindaci e amministratori.
All’assemblea di Milano partecipano Ministri, Sottosegretari di Stato, Eurodeputati, sindaci di grandi città italiane e tanti giovani amministratori. Tra quelli regionali ci sono: Marialaura Cancellario (Campobasso), Mariateresa Di Florio e Daniele D'Aversa (Cercemaggiore,) Gabriele Paolone (Cerro al Volturno), Saverio Nonno (Fossalto), Andrea Galasso (Isernia), Mariapina Santopuoli, Gabriele Maglieri e Giada Reale (Riccia) Marco Giampaolo (Ripalimosani), Corrado Zara (San Felice del Molise) e William Ciarallo (Sant'Angelo Limosano). Presente anche il vice sindaco di Campobasso Bibiana Chierchia.
Tanti gli argomenti oggetto dei lavori dell’Assemblea: la ‘Rete dei giovani amministratori europei’; l’‘Innovazione sociale nei Comuni: la sfida dell’occupazione giovanile’; ‘Urbanitas: lo sviluppo urbano sostenibile. Le città e le aree interne’ ; ‘Identità territoriali: il patrimonio immateriale dei Comuni. Produzioni d’eccellenza, iniziativa privata e governance dei campanili nell’anno di Expo2015’.
Siamo consapevoli – affermano i membri dell’ANCI Giovani - che anche e soprattutto esperienze collettive e condivise come queste arricchiscono il bagaglio politico per arrivare consapevoli e da protagonista in Europa. E’ per tutti noi motivo di crescita non soltanto la rete virtuale e fattiva che così andiamo a costruire, ma anche la coinvolgente esperienza umana di condivisione e socializzazione.
(by Nicola)

Energia

(by Nicola)

I castelli del Molise 1/3

(by Nicola)

giovedì 19 febbraio 2015

DOSSIER SULL'ELETTRODOTTO “VILLANOVA – GISSI”. RILEVATE SECONDO IL FORUM DELL'ACQUA OLTRE 20 CRITICITA' PROGETTUALI, PROCEDURALI E REALIZZATIVE.

COMUNICATO STAMPA DEL FORUM ACQUA DEL 18 FEBBRAIO 2015


Il dossier di 39 pagine si può scaricare a questo link:
https://augustodesanctis.wordpress.com/2015/02/18/elettrodotto-villanova-gissi-ecco-il-dossier-stop-ad-unopera-inutile-e-a-rischio-idro-geologico/

IL FORUM: ENTI INTERVENGANO PER RITIRARE PARERI FAVOREVOLI E AUTORIZZAZIONI IN AUTO-TUTELA. OPERA INUTILE, ABRUZZO HA SOVRA-CAPACITA' PRODUTTIVA ELETTRICA.

(by Nicola)

PETIZIONE PER IL TESTIMONE DI GIUSTIZIA FRANCO GAETANO CAMINITI


https://www.change.org/p/lo-stato-protegga-il-testimone-di-giustizia-franco-gaetano-caminiti

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Al Presidente della Commissione parlamentare antimafia on. Rosy Bindi
Al Viceministro dell'Interno on. Filippo Bubbico
L’associazione nazionale di volontariato 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione', nelle persone di:
- Antonio Turri (Presidente);
- Valeria Grasso (Responsabile delle politiche per l'assistenza alle vittime delle mafie - Imprenditrice e testimone di giustizia);
- Letizia Giancola (Referente per le tematiche e le istanze inerenti i testimoni di giustizia);
chiede formalmente un’audizione in Commissione parlamentare antimafia, al fine di sottoporre all'attenzione della stessa la storia di Franco Gaetano Caminiti, imprenditore di Reggio Calabria destinatario, da 20 anni, di reiterate minacce e intimidazioni da parte della ‘ndrangheta.
La drammatica vicenda di Caminiti ha inizio nel 1993, quando decide di aprire una sala giochi a Reggio Calabria dopo essere stato licenziato da un’azienda privata. Fin da subito, la cosca del luogo mette gli occhi sull’attività e gli chiede di venderla per 30 milioni di lire. Il deciso rifiuto dell'imprenditore ottiene in risposta una lunga serie di minacce e atti vandalici (55 in 20 anni) che si concretizza prima, nel 2009, nell’incendio dell’attività (a causa del quale il figlio è rimasto in rianimazione per mesi), e poi, nel 2011, in un tentato omicidio ai suoi danni, in perfetto stile mafioso, dal quale si è salvato per miracolo restando ferito ad un braccio.
Alla fine del novembre scorso, grazie alla sua testimonianza, la Procura di Reggio Calabria ha ottenuto, in secondo grado, la condanna per gli imputati nel Processo 'Azzardo', nato dall’inchiesta condotta contro presunti esponenti della cosca Latella: Vincenzo Nettuno, Gennaro Gennarini e Terenzio Minniti. I tre malviventi pretesero che Caminiti installasse nella sua sala giochi un software illegale per il poker online, attraverso il quale riciclare i proventi delle attività illecite e gestire i guadagni del gioco d’azzardo ai danni del fisco, grazie ad un sito web mediante il quale i giocatori avrebbero effettuato pagamenti non tracciati. Di fronte al suo netto rifiuto, i tre estorsori lo minacciarono di far intervenire i Latella; Caminiti, però, registrò gli atti intimidatori, sporse denuncia consegnando i filmati alle forze dell’ordine e confermò le accuse nel processo. La sua testimonianza è stata ritenuta dai giudici 'lineare e asciutta, senza alcuna enfatizzazione dei fatti', come scritto nelle motivazioni della sentenza di condanna per tentata estorsione aggravata.
Nonostante la tutela, la 'ndrangheta non ha mai smesso di tormentare l'imprenditore. Solo pochi giorni fa, ha ricevuto l’ennesima intimidazione: una lettera contenente minacce di morte a lui e alla sua famiglia, minacce che non hanno risparmiato neppure la sua nipotina, una bimba di appena 8 mesi, con l'invito a ritrattare le dichiarazioni rese alla magistratura in vista del ricorso in Cassazione per il processo 'Azzardo'. In passato le minacce sono state anche più allarmanti: dalla testa di capretto mozzata alla lettera, recapitata direttamente presso la propria abitazione, imbottita di esplosivo al plastico che, secondo il rapporto degli artificieri, non si è innescato 'solo' perché la batteria non aveva l’energia necessaria per trasmettere l’impulso al detonatore.
L'associazione 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione' ritiene che quella di Franco Gaetano Caminiti sia una situazione anomala: grazie alla sua testimonianza, sono stati condannati a 4 anni e 6 mesi i suoi estorsori, ma, ciononostante, non gli è stato riconosciuto lo status di testimone di giustizia previsto dalla legge e, di conseguenza, lui e la sua famiglia non sono è stati ancora sottoposto al relativo programma di protezione ormai non più procrastinabile.
“Non ho mai preteso nulla dallo Stato – dichiara Caminiti – solo che mi si riconoscesse il diritto a lavorare e condurre la mia attività”. Al momento, invece, quest'uomo onesto e coraggioso si trova in serio pericolo di vita.

(by Nicola)

mercoledì 18 febbraio 2015

Molise sotto schiaffo.Camorra a go go

 


Tra i beni per oltre 320 milioni di euro sequestrati in tutta Italia, riconducibili al clan camorristico napoletano dei Contini, ci sono anche distributori di carburanti molisani. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Napoli che ha eseguito i provvedimenti emessi dal tribunale partenopeo, a seguito delle indagini che hanno consentito individuare un cospicuo patrimonio intestato formalmente a un centinaio di prestanome ma gestito direttamente dal clan Contini.
L’operazione della Guardia di finanza di Napoli è scattata in tutta Italia e vede coinvolto anche il Molise. Gli uomini delle Fiamme gialle hanno sequestrato beni per 320 milioni di euro riconducibili all’organizzazione camorristica che fa capo al clan napoletano dei Contini.
Tra i beni confiscati, anche distributori di benzina che si trovano nella piccola regione che confina con il mare Adriatico, con la Puglia e con la Campania, dove i finanzieri sono entrati in azione nella giornata di oggi – mercoledì 18 febbraio. La confisca è stata disposta dalla sezione per l’applicazione delle misure di prevenzione del tribunale di Napoli. Tra i distributori ai quali il Gico ha messo i sigilli e sui quali si concentrano le indagini c’è anche quello alle porte di Vinchiaturo con bar annesso sequestrato dalla Finanza già nel gennaio 2014, quando ci furono novanta arresti e beni sequestrati per un valore di 250 milioni Il distributore di benzina e il vicino bar risultavano entrambi intestati a un napoletano considerato prestanome del clan Contini,una delle cosche campane economicamente più forti. «Il Molise è una regione “cuscinetto” - spiegano dal Gico di Campobasso - dove tradizionalmente i clan malavitosi vengono a fare investimenti. Ecco perché non bisogna mai abbassare la guardia».
L’indagine di oggi, condotta dal nucleo di Polizia tributaria di Napoli – Gico ha permesso di individuare un cospicuo patrimonio intestato solo formalmente a un centinaio di prestanome ma gestito direttamente dal clan Contini. Sequestrate numerose attività commerciali, immobili e terreni. Tra i beni, una villa di lusso a Ischia insieme ad altre 26 proprietà immobiliari, 41 impianti di carburante, a Napoli e su alcuni tratti autostradali, oltre che in Molise, 20 bar tra le province di Napoli e Avellino. Nella lista ci sono anche tre rivendite di tabacchi, quattro gioiellerie, tre società di torrefazione di caffè, due società di gestione e compravendita immobiliare, un’azienda di commercio all’ingrosso, un garage.
Il provvedimento fa seguito agli accertamenti portati avanti dal Gico della Finanza e coordinati dalla direzione distrettuale antimafia. Dall’inchiesta, secondo la ricostruzione delle Fiamme gialle, è emerso il ruolo dei fratelli Gerardo e Ciro Di Carluccio, quest’ultimo ritenuto il cassiere del clan e uomo di fiducia del capo cosca Edoardo Contini, il «direttore» di una holding criminale operante in diversi settori economici e finanziari. Le attività che spaziavano dalla gestione di carburanti alle oreficerie, erano gestite da una rete di prestanome.
Dalla ricostruzione dei profili reddituali delle persone coinvolte, è stata riscontrata una sproporzione tra i beni posseduti e i redditi dichiarati.
In Molise, nel gennaio del 2014 i finanzieri avevano già sequestrato una pompa di benzina, alle porte di Campobasso, che non l’annesso bar erano intestati a un napoletano considerato dagli inquirenti una “testa di legno” del clan Contini.

(by Nicola)

Scuola di formazione politica Antonino Caponnetto, presenta

(by Nicola)

'TESTIMONI DI (IN)GIUSTIZIA - Il silenzio è dolo'


L'iniziativa si svolgerà GIOVEDÌ 26 FEBBRAIO 2015 alle ore 16.30 presso l'Aula Magna dell'I.T.I.S. 'E. Mattei' in Viale dei Pentri a ISERNIA.
 
Saluti:   ANTONIO TURRI (Presidente nazionale) e LETIZIA GIANCOLA (Coordinatrice per il Molise 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione').

Gli interventi saranno a cura di:

- PAOLO ALBANO (Procuratore della Repubblica di Isernia);

- VALERIA GRASSO (Imprenditrice e testimone di giustizia - Responsabile delle politiche per l'assistenza alle vittime delle mafie de 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione');

- GIULIANO GIRLANDO (Blogger di 'Antimafia 2000');

- GIANLUCA CALÌ (Imprenditore anti-racket);

- GAETANO PASCALE (Ex ispettore di Polizia e criminologo - Referente de 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione' per il Lazio);

- FRANCO GAETANO CAMINITI (Imprenditore e testimone di giustizia - Referente de 'I Cittadini contro le mafie e la corruzione' per la provincia di Reggio Calabria);

- ARMANDO D'ALTERIO (Procuratore Capo della D.D.A. di Campobasso).

Il dibattito sarà coordinato dal giornalista di 'RaiNews 24' PINO FINOCCHIARO.
 
(by Nicola)

PIANO ENERGETICO REGIONALE

(by Nicola)

martedì 17 febbraio 2015

“Il diritto alla vita non si può tradurre in un obbligo alla vita”


(by Nicola)

"Nel Diritto non c'é Giustizia!" Lo conferma il Consigliere Russo della Corte d'appello Di Salerno


“Ho emesso una sentenza ingiusta”, scrive Michelangelo Russo, consigliere di Corte d'appello di Salerno in un articolo pubblicato in prima pagina del Corriere del Mezzogiorno – Campania, di sabato 14 febbraio. In sostanza il magistrato ha “condannato giustamente un uomo per un fatto commesso svariati anni fa”. La giusta sentenza, perché emessa sulla base della legge, è in realtà una senza ingiusta perché avviene a distanza di anni dai fatti.
Il magistrato non è d'accordo con chi sostiene che il resto non conta quando ci sono la Crisi e le Riforme. “Il fatto è che il resto conta, e come!” scandisce il Dott. Russo. Perché le decine di migliaia di casi che “riguardano reati non gravi, vecchi di anni, che intasano i ruoli dei Tribunali rallentando il percorso dei fatti urgenti.”
Dopo una serie di valutazioni sul governo, l'ordine forense e la magistratura il Dottor Russo scrive “(...) Proprio ieri a Salerno si è tenuto un convegno, organizzato dalla Corrente di Area, sui criteri prioritari visti come ancora di salvezza per evitare il naufragio dell'apparato giudiziario. (...) Dal convegno non pare però che sia stata affrontata quella che appare nella convinzione della maggior parte dei magistrati l'unica possibile soluzione per salvare i principi e i processi più importanti, sommersi dalla quantità impressionante di arretrato, e cioè l'amnistia. Per quanto odiosa, questa parola che fa tanto Prima Repubblica ha consentito per decenni la scolmatura periodica degli inevitabili ingorghi giudiziari, non risolvendo i problemi di fondo, ma almeno lasciando intatti principi costituzionali le cui modifiche sarebbero incognite inquietanti.”
L'amnistia quindi come antidoto alle violazioni costituzionali in atto, per evitare sentenze ingiuste e perseguire reati ben più gravi destinati alla prescrizione.

Fonte: PR

(by Nicola)

Il "risvegliatore di dormienti" GIORDANO BRUNO


Giordano Bruno chiama ognuno a costruire libertà e giustizia. Liberi di pensare! Liberi di scegliere! Nella responsabilità delle nostre individuali autodeterminazioni. È scomodo per gli imbecilli e i tiranni. È maestro di libertà e laicità per chi non vuole essere eterno minore, perché – scrive il nostro filosofo - nel corpo han la catena che le stringe […] ne la mente il letargo che uccide».

Bruno sapeva bene che «il servilismo è corruzione contraria alla libertà e dignità umane». Sapeva bene che senza autonomia di pensiero, di ricerca non c’è futuro non c’è speranza né per gli individui, né per gli Stati. E per questo chiama ognuno a spezzare le catene della soggezione mentale etica politica economica e sociale. Ed è in questa prospettiva che accoglie con entusiasmo la rivoluzione copernicana, che amplifica e sviluppa nel suo rivoluzionario infinito. 
 
Di questo infinito divenire fa parte ogni essere umano, che produce infinite possibilità di autonoma ricerca intellettuale ed etica. Che può e deve agire per costruire responsabilmente libertà e giustizia. Nell’infinito di Bruno l’umana ragione è liberata dalla grotta dei moduli ripetitivi e stantii. Bruno insegna ad alzare la testa contro potenti e tiranni che proprio col confessionalismo e nel confessionalismo tengono sottomesse le menti.

Ecco perché è scomodo. Ecco perché è stato mandato al rogo.
Ai padroni dell’anima ha tolto il supporto ideologico, perché l’anima è mente funzione corporale, fisica cerebrale. Ha svelato i meccanismi antropologici di soggezione che proprio su supposte idee di anima si creano abituando a cercare padri-padroni-padreteni a cui affidarsi.

Bruno si proclama «risvegliatore di dormienti». E la sua lezione è ancora una sveglia nel nostro tempo dove mordacchie e lavaggi del cervello continuano per imporre un mondo di schiavi. Soprattutto se donne. 

Forse, vale appena ricordare che Giordano Bruno, in un contesto dove certo la misoginia non mancava e si mandavano al rogo centinaia di povere donne con l’accusa di stregoneria (e alla stregoneria credevano insospettabili intellettuali) scriveva nel De la causa principio et uno: «Mirate chi sono i maschi, chi sono le femine. Qua scorgete per suggetto il corpo, ch'è vostro amico, maschio, là l'anima che è vostra nemica, femina. Qua il maschio caos, là la femina disposizione (rigore); qua il sonno, là la vigilia; qua il letargo, là la memoria; qua l'odio, là l'amicizia; qua il timore, là la sicurtà; qua il rigore, là la gentilezza; qua il scandalo, là la pace; qua il furore, là la quiete; qua l'errore, là la verità; qua il difetto, là la perfezione; qua l'inferno, là la felicità […] E finalmente tutti vizii, mancamenti e delitti son maschi; e tutte le virtudi, eccellenze e bontadi son femine».

Ecco allora che Bruno è vivo - forte - potente davanti a noi perché ha denunciato l’arroganza e l’ingiustizia di un mondo dove la libertà non può essere la tracotanza di chi nega emancipazione e autodeterminazione altrui. Non c’è libertà senza pari dignità. Non c’è libertà senza parità di diritti e doveri. E Bruno ci chiama al coraggio dell’azione per la costruzione di un mondo di liberi e pari.

Ognuno ha intelletto e mani, afferma Giordano Bruno, ma è la mano, l’operosità, l’agire che ci rende intelligenti.

Christian René de Duve, premio Nobel per la medicina (1974) ha scritto: «L’Homo sapiens, quello che possiede conoscenza, deriva dall’Homo habilis, colui che sapeva usare le mani». Un bel riconoscimento per il nostro Giordano Bruno, che a proposito di evoluzionismo secoli prima di Darwin scriveva nella Cabala del cavallo Pegaseo che senza la mano «l'uomo in luogo di camminare serperebbe, in luogo d'edificarsi palaggio si caverebbe un pertuggio, e non gli converrebbe la stanza, ma la buca».

In questa buca di un mondo di schiavi, oggi non manca chi ci vorrebbe riportare... Sono i cattolicisti di casa nostra, che comunque devono fare i conti con la laicità e la democrazia che abbiamo faticosamente conquistato; sono i cultori della Jihād che vogliono imporre il califfato mondiale, e per questo hanno elevato l’assassinio e la schiavitù a mezzo e fine.

Contro tutto questo la filosofia di Giordano Bruno si erge potente e forte baluardo di laicità e libertà.
 
di Maria Mantello
 
(by Nicola)

venerdì 13 febbraio 2015

Discarica Montagano. Ribaltata la sentenza del TAR Molise

 

Ieri il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva e ribaltato la setenza emessa dal TAR Molise che il 30 ottobre scorso aveva dato ragione alla Regione Molise.
Perché?  Per approfondire l’eccezione di difetto d’interesse, accolta in primo grado dal TAR e per le questioni di carattere ambientale.

(by Nicola)

"Salute e Cucina" Il Diritto alla Salute secondo l'OML - 4/4


(by Nicola)

Ai perditempo, ai pusillanime, ai lacchè, ai paurosi, ai vigliacchi, ai venduti, ai voltafaccia, ai voltagabbana. Insomma, a gente con....il cuore!


Chi ha la voglia e il coraggio di scrivere una nuova pagina per questo martoriato Molise, l'invito è per oggi alle ore 17.00 presso l'Incubatore Sociale in via Monsignor Bologna a Campobasso. Cambiamo il corso della storia con Comitati, Associazioni e tanti liberi cittadini. Dall'ambiente alle fabbriche, dalla sanità ai rifiuti, dai migranti alla solidarietà-sicurezza. Tutto quello che non si sta facendo a livello regionale, noi lo ricorderemo a chi di dovere. L'invito non è rivolto ai perditempo, ai pusillanime, ai lacchè, ai paurosi, ai vigliacchi, ai venduti, ai voltafaccia, ai voltagabbana. Insomma, a gente con....il cuore!

Emilio IZZO

(by Nicola)

mercoledì 11 febbraio 2015

Rimbamband


(by Nicola)

EOLICO E RETE, ENNESIMA BEFFA AL TERRITORIO! *

COMUNICATO STAMPA 

 

Eolico di S.Biase, Limosano e Sant’Angelo Limosano

Domani 12 febbraio 2015, alle ore 9.30, saremo ancora una volta davanti all’assessorato alle energie della regione Molise in via Colle delle Api a Campobasso e successivamente nelle stanze del medesimo assessorato, per assistere alla conferenza di servizio indetta per discutere dell’ennesimo eolico devastante previsto nei comuni di San Biase, Limosano e Sant’Angelo Limosano. Saremo lì per gridare come sempre la nostra contrarietà a questa logica perversa di attacco al suolo che, questa volta, si presenta anche con motivi nuovi e sempre più irrispettosi. Infatti, oltre a dover discutere delle autorizzazioni agli impianti di cui sopra, si dovrà anche fare i conti con il comune di Matrice e con l’attraversamento del suo territorio da parte della rete elettrica che dovrà raccogliere l’energia eventualmente prodotta dai previsti impianti eolici! Non sembri fuori luogo l’esclamativo. Non lo è. Dovrà anzi essere rafforzato poco più avanti. Infatti, come si ricorderà, chi scrive, con numerose altre associazioni e comitati, si schierò al fianco dell’attuale amministrazione comunale di Matrice quando la maggioranza che aveva retto quel comune in precedenza aveva autorizzato un impianto eolico nella terra che annovera il romanico di Santa Maria della Strada, riuscendo a scongiurare quello oscenità contro la storia e il paesaggio in quei luoghi. Adesso si ha l’ardire di chiedere in conferenza di servizio, proprio al comune di Matrice, l’attraversamento del proprio suolo per foraggiare gli impianti previsti nei comuni limitrofi!!!!! Bastano gli esclamativi per questa faccia tosta! Per noi questo atteggiamento arrogante non è accettabile e lo confermeremo con la nostra presenza e la nostra contrarietà domani mattina. Infine chiedo: assessore Facciolla, ma stiamo facendo sul serio? Continuiamo a dire una cosa e a farne un’altra? Assessore Petraroia, la lotta (finta) è già tutta alle spalle? La nostra richiesta di incontro per discutere di un piano energetico regionale a che punto è? Passata a pseudo esperti di altre realtà? E soprattutto, presidente Frattura, a quando una moratoria che sfidi il governo centrale? Troppo scomodo per i giochi politici e di potere? La scelta impone: o il potere e i giochetti, oppure i cittadini ed il territorio?

Isernia, 11 febbraio 2015
Emilio Izzo

*Il presente comunicato vale anche come comunicazione ai competenti organi di p.s.

(by Nicola)

ESCLUSIVA OML "Salute e Cucina" - 2/4

(by Nicola)

Flash mob contro la violenza sulle donne

(by Nicola)

martedì 10 febbraio 2015

Rischio di danneggiamento del patrimonio arboreo delle sacre Pinete degli Alimini di Otranto

 

Fermare l’inizio dei lavori di depauperamento del patrimonio forestale nelle preziose Pinete di località Serra degli Alimini – Otranto (Lecce). Aree dove insistono anche non a caso dei SIC, Siti di Interesse Comunitario, delle ZPS, Zone di Protezione Speciale, e Pinete di prioritaria importanza anche a livello di nuovo PPTR, Piano Paesaggistico Territoriale della Regione Puglia da poco entrato in vigore.
 
http://www.osservatoriolegalita.it/allegati/dci_7275445.pdf

(by Nicola)

P.L.A. (Piano Localizzazione Antenne)

 

http://www.osservatoriolegalita.it/allegati/api_9015932.pdf

(by Nicola)

NO TTIP. FIRMATE L’INIZIATIVA DEI CITTADINI EUROPEI

OBIETTIVO DUE MILIONI ENTRO OTTOBRE
 


 Prende il via anche in Italia la raccolta di firme europea contro il TTIP, il Trattato Transatlantico tra Unione europea e Stati Uniti per l’apertura della più grande area di libero scambio conosciuta. Un negoziato condotto lontano dagli occhi indiscreti dell’opinione pubblica e dei parlamenti e che porterebbe ad una messa in discussione di standard e normative ambientali e sociali, considerate troppo spesso come impedimenti tecnici al libero commercio.
La raccolta di firme, sostenuta da tutte le campagne Stop TTIP che sono nate e si sono consolidate nell’ultimo anno in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea, ha ormai raggiunto il milione di firme, consegnate al nuovo Presidente della Commissione Europea Juncker lo scorso ottobre, come regalo per il suo compleanno, ed è  cresciuta giorno dopo giorno arrivando a superare il milione e quattrocentomila firme.

“Pensiamo sia nostro diritto come cittadini dell'UE di avere voce in capitolo sulle questioni che ci riguardano” sottolinea Simona Maltese, di Asud una delle organizzazioni che promuovono la campagna Stop TTIP Italia, “il TTIP come il CETA avrà profondi effetti sulle nostre vite e la nostra società. Con questa iniziativa stiamo offrendo ai cittadini europei la possibilità di esprimersi”.
“L'Iniziativa dei Cittadini Europei autogestita promuove un’idea di commercio e degli investimenti alternativa e più democratica perché pensata per e con le persone. Come Campagna Stop TTIP Italia daremo il nostro contributo all’obiettivo due milioni di firme in tutta Europa entro ottobre, per dimostrare ancora una volta che il TTIP non va firmato”.
La Campagna Stop TTIP Italia nasce nel febbraio 2014 e conta oggi più di 140 organizzazioni aderenti e una quarantina tra comitati e contatti locali nei vari territori.


Firma e fai firmare la petizione online contro TTIP E CETA su https://stop-ttip.org/firma/


oppure

Firma e fai firmare la petizione cartacea contro TTIP E CETA scaricando i moduli per la raccolta firme dal sito della campagna alla sezione “materiali” http://stop-ttip-italia.net ed inviali compilati all’associazione A Sud, Piazzale del Giardino Zoologico n°2 - 00197 Roma.


Per informazioni: firmestopttip@gmail.com
 

(by Nicola)

ESCLUSIVA OML "Salute e Cucina" - 1/4

(by Nicola)

EOLICO. Condanna a 4 anni di reclusione per Vito Nicastri (omessa dichiarazione fiscale e truffa ai danni dello Stato)

 

http://www.malitalia.it/2015/02/condannato-per-truffa-allo-stato-il-re-delleolico-vito-nicastri/

(by Nicola)